Lefkada

Ricco di cale e tratti rocciosi, con il bianco degli arenili, il turchese dei fondali bassi e il blu cobalto delle acque profonde, il mare di Leucade è a dir poco strepitoso, lascia senza fiato tutta la costa occidentale.
L’isola di Lefkada, chiamata anche Lefkas, oppure in italiano Leucade, appartiene all’arcipelago delle isole Ioniche; è la quarta isola per estensione dopo Zante, Cefalonia e Corfù. Lefkada è l’unica isola greca che può essere raggiunta dal continente senza imbarcarsi su un traghetto, in quanto presenta un ponte mobile che permette sia il passaggio delle automobili, sia il passaggio delle imbarcazioni. Un’isola stupenda e a tratti incontaminata; con migliaia di colori impossibili da riprodurre anche con la più sofisticata macchina fotografica, unisce paesaggi aspri e brulli a paesaggi caratterizzati da morbidi e caldi colori.
L’isola principale è circondata da nove piccole isolette. La più famosa delle isolette che circondano Lefkada è sicuramente l’isola di Skorpios; balzata agli onori delle cronache per essere l’unica isola Greca di proprietà di un privato cittadino (la famiglia Onassis) ed è diventata famosa per la notevole vita mondana e per le leggende che circondano questa incantevole isoletta.
Lefkada ha una lunghezza massima di 35km e una larghezza di 30km.

lefkadaSi estende su una superficie di 300km2 per un buon 70% montagnosa, dominata dal massiccio di Elati che nella parte sudoccidentale dell'isola supera più volte i 1000 metri di altezza. Il terreno si addolcisce sulle coste sudoccidentali e attorno al capoluogo dell'isola dove si concentrano anche la maggior parte degli insediamenti.
Il nome deriva dalla mitologia dal celebre capo di Lefkata, un promontorio roccioso e impressionante e dai cui strapiombi candidi si gettò Saffo per una delusione amorosa.